Martedì, 16 Aprile 2024
Un momento della sentenza nel tribunale egiziano

2 dipendenti di Al-Jazeera condannati a morte

Sabato 18 giugno, un tribunale egiziano ha condannato a morte sei pesone, tra cui due dipendenti dell'emittente televisiva Al-Jazeera. La condanna a morte, arriva dopo una sentenza che vede gli imputati colpevoli di aver trafugato una serie di documenti relativi alla sicurezza nazionale in Qatar e a Doha; durante il governo del presidente Mohammed Morsi.

I due dipendenti di Al-Jazeera, il reporter Alaa Omar Mohammed e notizie editor di Ibrahim Mohammed Hilal sono stati condannati a morte insieme a Asmaa al-Khateib, che ha lavorato per RASD. Una rete televisiva che sembra abbia collaborato con i Fratelli musulmani di Morsi.

La risposta di Al-Jazeera

L'emittente televisiva Al-Jazeera non ha ancora rilasciato nessun comunicato stampa, anche se le due condanne a morte possono ancora essere messe in discussione con un appello da parte degli avvoccati di Al-Jazeera. Il verdetto del giudice, che si vede convinto del fatto che i sei operatori abbiano collaborato per danneggiare il paese. Ora il verdetto è stato inviato all'autorità teologica superiore islamica della nazione, per ottenere il consenso o un eventuale grazie.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi i nostri aggiornamenti mensili direttamente sulla tua e-mail.

Inquinamento e cause

La Mia Aria

Portale gratuito di informazione sull'ambiente, l'ecologia e il benessere


Riproduzione dei testi, anche parziale, tassativamente vietata.
Sito soggetto a controllo antiplagio DMCA e CopyScape


×
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull’uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie.
Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie policy