Giovedì, 30 Maggio 2024
Cittadini Eu costretti a lasciare la Gran Bretagna

Cittadini Eu costretti a lasciare la Gran Bretagna

Più di mezzo milione di cittadini dell’UE, potrebbero essere costretti a lasciare la Gran Bretagna dopo il referendum Brexit secondo una recente analisi. E' questo il verdetto del Social Market Foundation (SMF) dopo una serie di analisi degli abitanti dell'Eu residenti sul suolo del Regno Unito.

Il Social Market Foundation (SMF) ha verificato che circa 590.000 cittadini dell’Unione Europea non rispondono ai requisiti di residenza che gli garantiscono automaticamente il diritto di rimanere sul suolo nazionale. Se l’articolo 50 viene reso attivo il prossimo anno e la Gran Bretagna lascia l’Ue entro il 2019 si dovrà procedere alla loro espulsione.

Tuttavia, dei 3,6 milioni di cittadini dell’Eu che attualmente vivono nel Regno Unito, oltre l’80 per cento sono residenti da più di cinque anni e quindi potrebbero in tal modo aver diritto a rimanere nel Regno Unito.

Data la “natura probabilmente prolungata” dell’applicazione del Brexit, il rapporto appena rilasciato lascia uno spiraglio di luce ai cittadini dell’Ue che sono arrivati nel Regno Unito prima del 2014. Infatti, potranno continuare a risiedere e potranno avere diritto di residenza permanente fino all’applicazione finale del Brexit.



Emran Mian, direttore del SMF, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “le nostre analisi suggeriscono che, mentre la maggior parte ha o acquisirà la residenza permanente, il diritto di rimanere nel Regno unito per quasi 600.000 persone potrebbe essere a rischio se il Regno Unito lascia l’Eu nel 2019”.

Il primo ministro, è sotto pressione da parte del fronte euroscettico che vuole applicare un “Brexit duro”, e che quindi vedrebbe rimuovere il diritto ai cittadini EU di raggiungere il Regno Unito in maniera automatica.

La scorsa settimana, Theresa May ha detto che quasi 800.00 polacchi che attualmente sono residenti nel Regno Unito si devono preparare a ritornare a casa, dopo l’attuazione definitiva del Brexit.

Durante un confronto pre-referendum, La signora May ha ricevuto una serie di dure critiche per una sua affermazione dove si diceva concorde nel non garantire a quasi tre milioni di cittadini UE la permanenza sul suolo del Regno Unito.

Gli ultimi dati del SMF mostrano che circa 3,55 milioni di cittadini dell’EU sono residenti nel Regno Unito. Di questi circa 1.666.000 provengono dalla cosiddetta EU14, cioè quelle nazioni che facevano parte dell’Ue prima del 2005.

Mr Mian ha aggiunto “Questi sono i primi passi nel fornire una maggior chiarezza sui negoziati a venire, con i paesi singoli e L’Unione Europea nel suo complesso.

Il governo, dovrebbe ora fornire la propria analisi e articolare un piano per l’avvio di discussioni per raggiungere una soluzione nel più breve tempo possibile. Fino a quando non lo farà, i residenti EU che vivono nel Regno Unito e le imprese che l’impiegano, sono soggette a incertezza che diventeranno sempre più preoccupanti con il passare del tempo.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi i nostri aggiornamenti mensili direttamente sulla tua e-mail.

Inquinamento e cause

La Mia Aria

Portale gratuito di informazione sull'ambiente, l'ecologia e il benessere


Riproduzione dei testi, anche parziale, tassativamente vietata.
Sito soggetto a controllo antiplagio DMCA e CopyScape


×
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull’uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie.
Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie policy